10 Luglio 2018

Tempo di lettura: 5 minuti

Last Updated on 1 Febbraio 2021 by Giuseppe

Ti è mai capitato di avere la sensazione che qualsiasi cosa ti metteresti a fare ti riuscirebbe bene? Non sarebbe fantastico poterti sentire in quel modo ogni volta che serve? Ebbene si, puoi farlo grazie allo stato alpha.

Uno stato di grazia

È possibile, applicando delle tecniche, andare a comando in quello stato, uno stato di grazia, nel quale mente cosciente e inconscio sono direttamente in contatto senza filtri.

Oggi ti parlerò degli Stati di coscienza e cosa puoi fare per andare in quello giusto al momento opportuno. 

Forse ti starai chiedendo Ma come faccio a riconoscere lo Stato di coscienza?

Si sa che la Psicologia, in quanto Scienza, per poter affermare con certezza un principio deve avere delle evidenze concrete.

Gli stati di coscienza

Nel 1924 lo psichiatra tedesco Hans Berger misurò, per la prima volta, l’attività elettrica del cervello scoprendo che questa è organizzata in onde o ritmi ciclici.

Hans Berger

Alpha

La prima ad essere individuata fu quella che denominò Alpha,  caratterizzata da una frequenza compresa tra gli 8 e i 13,9 Hertz e corrispondente ad uno stato di rilassamento, che è oggetto di questo articolo.

Beta e Gamma

Successivamente individuò le onde Beta, con una frequenza superiore ai 14 fino a 30 Hertz e corrispondente allo stato di veglia cosciente, cioè quello in cui siamo per la maggior parte della nostra giornata, ove prevale un’attività della mente cosciente. Quando sei particolarmente attivo, sei nel Gamma, tra 30 e 90 Hz

Theta e Delta 

Andando, invece, nel senso dell’incoscienza, scoprì ancora lo stato Theta, tra 4 e 8 Hertz e relativo ad alcune fasi del sonno Non REM e, infine, lo stato Delta, di appena 0,5 – 3 Hertz assimilabile a una condizione ancora più profonda.

Vai nello stato Alpha

Torniamo quindi allo Stato Alpha, cercando di capire meglio cos’è e come potrai fare per scegliere di andarci a piacimento.

È molto semplice, lo facciamo già spontaneamente tutti i giorni quando, per esempio, fantastichiamo pensando alle persone che amiamo o quando immaginiamo di essere già su una spiaggia di sabbia bianca, bagnata da un mare limpido dalle meravigliose sfumature dal verde al blu intenso.

Pensa ai bambini per i quali, durante i loro giochi fantasiosi, lo stato Alpha è una condizione nella quale vanno peraltro molto, molto facilmente. O ancora puoi pensare a coloro che meditano, ovvero orientano i propri pensieri più profondi su qualcosa di preciso senza farsi distrarre da alcunché.

Percezioni fisiche

È uno stato nel quale ci si sente meravigliosamente bene e rilassati. Quello che potrai avvertire fisicamente è:

  • una riduzione del ritmo
    • respiratorio, che può scendere anche a un ciclo di inspirazione/espirazione al minuto, 
    • cardiaco,
  • un profondo rilassamento muscolare che può essere avvertito anche con una sorta di calore e formicolio diffuso in tutto il corpo.

Mi stai dicendo quindi che posso anche andarci a piacimento?

Già, proprio cosi. 

Ora ti descrivo, quindi, alcuni modi per farlo. 

La respirazione diaframmatica

Prima di tutto è bene respirare adeguatamente, adottando quella che molti conoscono come Respirazione diaframmatica ovvero ottenuta concentrando l’attenzione sull’addome, e sul diaframma in particolare, che ha una lunga serie di effetti benefici. Essa consente, infatti, di ossigenare completamente i polmoni e, da qui, tutto il corpo e il cervello in particolare.

L’abbassamento del muscolo diaframmatico favorisce, inoltre, un benefico massaggio degli organi interni i cui effetti rilassanti si irradiano in tutto il corpo. 

Respirazione diaframmatica

Cosa faccio se mi torna in mente la rata del mutuo da pagare o la serata che passerò con la persona che amo seduti a sorseggiare un prosecco a lume di candela?

Vivere il qui e ora

Sai, la mente è come una scimmia dispettosa perché tende a saltare da un pensiero a un altro continuamente, dal passato al futuro perdendosi, ahimè, quello che sta accadendo nel presente. Ma niente paura, anche la mente più dispettosa può essere educata a vivere, come si dice, il Qui e ora.

Ti puoi allenare mantenendo l’attenzione su qualcosa, un oggetto, un pensiero prendendo consapevolezza della distrazione quando arriva e riportandola dolcemente su quello che avevi scelto.

Attenzione sul respiro

Una delle cose più semplici è mantenere la concentrazione proprio sulla respirazione diaframmatica recitando mentalmente, ad esempio, ora inspiro, trattengo e poi espiro lentamente.

Se vuoi approfondire questa parte ti consiglio un bellissimo libro, molto semplice, scritto da un monaco vietnamita, Thích Nhất Hạnh, Il miracolo della presenza mentale ove troverai, in un linguaggio comprensibile, numerose indicazioni per migliorare la capacità di vivere pienamente il momento. 

Thích Nhất Hạnh

Utilizzando la tecnica preferita, come il training autogeno, la meditazione, l’autoipnosi o altre puoi procedere poi con il Rilassamento, fisico e mentale.

Quale che sia la tecnica adottata l’obiettivo è il medesimo ovvero raggiungere lo stato Alpha attraverso il rilascio di tutte le tensioni muscolari e l’orientamento del pensiero su qualcosa di specifico, meglio se piacevole

L’ancoraggio di Pavlov

Un modo rapido per entrare nello stato desiderato è l’ancoraggio, derivante dagli esperimenti condotti dal famoso russo Ivan Pavlov con i cani sul condizionamento classico

Ivan Pavlov

Egli aveva scoperto, e questo gli valse il Premio Nobel nel 1907, che proponendo uno stimolo neutro, il suono di un campanello, si poteva richiamare alla memoria una sensazione, la voglia di mangiare la carne, anche in assenza di quest’ultima e che aveva anche degli effetti visibili e misurabili che lui chiamò secrezione psichica.

La tecnica dell’ancoraggio

Per sfruttare al meglio questa tecnica e andare istantaneamente in una condizione corrispondente allo stato Alpha segui le istruzioni

  • Vai nello stato Alpha utilizzando una tecnica di rilassamento;
  • Scegli il tuo stimolo neutro, che potrebbe essere un gesto che non fai mai e che sia ripetibile anche in pubblico;
  • Esalta la sensazione di rilassamento vivendo intensamente l’immagine che hai associato e, quando l’intensità ha raggiunto il massimo, un po’ prima, ripeti il gesto.

Fallo più volte e, dopo un po’, ti accorgerai che ti basterà ripetere quel gesto per andare direttamente in Stato Alpha.

Ripeti più volte ancora nei giorni successivi, almeno per una settimana, per rinforzare l’ancoraggio e avrai a portata di mano un modo rapido ed efficace per andare in quello stato di grazia ideale per svolgere, in particolare, compiti che richiedono tanta creatività.

Fai pratica

L’efficacia di queste tecniche,  Respirazione diaframmatica, rilassamento, presenza mentale e ancoraggi è strettamente collegata alla pratica. Più le praticherai maggiori saranno i risultati che otterrai e ti renderai conto della magia che si cela nella frequenza dello Stato Alpha. 

Gli articoli che leggi sono un mio libero contributo alla tua felicità e al tuo benessere e sono gratuiti. Sarò veramente felice quando vorrai condividerlo e scriverai qui di seguito un tuo commento, importantissimo per conoscere il tuo punto di vista.

 

Prenota la tua sessione di coaching gratuita

Iscriviti al videocorso Realizza i tuoi sogni